Apri menu navigazione

Detrazioni per l'acquisto di una scala a chiocciola

Gio, 19 Mar 2020

Detrazioni per l'acquisto di una scala a chiocciola

Se siete in procinto di installare una scala a chiocciola all’interno della vostra casa, vi sarà senz’altro utile conoscere le recenti agevolazioni economiche in merito. Anche per il 2020 infatti sono previste le detrazioni fiscali promosse dallo Stato atte ad incentivare la riqualificazione energetica degli edifici. Vediamo di seguito quali sono gli ultimi aggiornamenti in merito e quali requisiti servono per rientrare nella categoria dei beneficiari di tali contributi. 

 

Detrazione fiscale del 50% 

 

E’ stata prorogata fino al 31 dicembre 2020 la possibilità di ottenere un bonus fiscale del 50% su tutte le spese sostenute per la messa in opera di interventi di manutenzione, restauro e risanamento volti a riqualificare a ammodernare un edificio. Il limite massimo di spesa a cui si fa riferimento nella normativa è 96mila euro, soglia al di sotto della quale è possibile richiedere il tanto auspicato rimborso del 50%, erogato dallo Stato Italiano. 

Rientrano nei lavori di ristrutturazione e manutenzione tutti quegli interventi che hanno lo scopo di riqualificare un edificio, migliorandone la classe energetica. 

In tal senso, anche la realizzazione ed installazione di una scala a chiocciola può essere considerata a tutti gli effetti un intervento a scopo migliorativo, pertanto rientra nella gamma di interventi per i quali è possibile richiedere lo sconto fiscale: detrazione che, divisa in 10 rate, verrà scalata dalle tasse fiscali del contribuente calcolate nelle dichiarazioni dei redditi di altrettanti 10 anni. 

 

Chi può usufruirne 

 

I destinatari di questa detrazione sono non solo i proprietari degli immobili, ma anche i titolari di un diritto sull’immobile stesso (ad esempio uso o usufrutto), locatari, imprenditori individuali, soci di cooperative. 

 

Requisiti 

 

Tuttavia, non basta installare una scala a chiocciola per poter automaticamente beneficiare della detrazione. L’installazione dell’opera deve rientrare in una serie di interventi, tra cui i seguenti: 

- Interventi di manutenzione straordinaria o ordinaria, restauro, risanamento, ristrutturazione edilizia: tra questi, anche il rifacimento o la costruzione di scale interne o esterne.
- Interventi necessari per la ricostruzione di un immobile danneggiato
- Interventi finalizzati al raggiungimento di reali risparmi energetici
- Interventi necessari per l’adozione di misure antisismiche 

Va da sè che, se una qualsiasi delle sopra citate situazioni rappresenta il vostro caso, c’è per voi la possibilità di farvi restituire la metà della spesa sostenuta per la costruzione ed installazione di una nuova scala: interna, esterna, a chiocciola o elicoidale. Si tratta di un importante contributo da non lasciarsi sfuggire, qualora vi fosse la possibilità. Vi suggeriamo pertanto un verifica e... consultate la nostra collezione di scale a chiocciola di design !    

 

 

Richiedi informazioni

 

Clicca qui per leggere l'informativa sulla privacy.

* l'inserimento di queste informazioni è obbligatorio.